Hai bisogno di detossificarti?

Per sapere se hai bisogno di detossificarti, ascolta il tuo corpo! I segnali possono essere vari, come un calo di forma e una digestione difficile. Piante e oligoelementi ti aiuteranno efficacemente a ritrovare il benessere, se, allo stesso tempo, adotterai una dieta leggera.

Quando detossificare il corpo?

Stanchezza cronica, carnagione opaca, cellulite, nausea al risveglio, emicranie, lingua impastata, digestione difficile, umore variabile, gonfiore, ritenzione idrica… Tutti questi disturbi si manifestano quando c'è un sovraccarico di tossine. Il corpo è naturalmente programmato per eliminarle grazie agli organi emuntori (fegato, intestino, reni...). Tuttavia, le loro capacità sono limitate. Quando sono sovraccarichi, non eliminano più efficacemente i residui.

Se l’alimentazione è fondamentale per una dieta detox, anche l’azione delle piante e degli oligoelementi fornisce un supporto efficace. Alcune piante, come il carciofo e il cardo mariano, attiveranno le fasi di detossificazione epatica. Le piante drenanti stimolano la funzione di filtrazione del sangue. Consentono di eliminare i residui e le sostanze tossiche disattivate idrosolubili per via biliare o urinaria (regina dei prati, ribes nero, alburno di tiglio). Alcune piante sono polivalenti e, quindi, agiscono a più livelli.

Affinché queste reazioni siano ottimizzate, richiedono la presenza di cofattori vitaminici , come vitamine B9 e B6, e di oligoelementi catalizzatori: manganese, rame, zinco e in particolare selenio.

C'è una stagione per la pausa di detossificazione?

Tutto l'anno, il corpo è esposto a sostanze chimiche, alimenti vegetali e animali elaborati, trattamenti farmacologici ecc.

Di solito le pause disintossicanti sono frequenti in primavera per liberarsi delle tossine accumulate durante l'inverno, le vacanze, i pasti più consistenti per resistere al freddo... Il minor irraggiamento solare favorisce anche una diminuzione del tono. 

Ma anche l'autunno è adatto alla detossificazione per preparare il corpo alle sfide dell'inverno. Oltre a una dieta più leggera, il consumo di piante epatoprotettive (desmodio, cardo mariano) contribuirà al benessere del fegato, un attore essenziale per il sistema immunitario.

Inoltre, la disintossicazione influenza l'attività del cervello e dei neuromediatori, favorendo spesso un sonno qualitativamente migliore. Per non parlare del fatto che organi come il fegato e i reni si rigenerano di notte!

Questa pulizia del corpo, che mira a liberarsi delle tossine epatiche e a promuovere la loro eliminazione da parte degli emuntori (pelle, polmoni, urina, feci), è un piccolo aiuto facilmente realizzabile per affrontare i cambi di stagione.

In che cosa consiste una detossificazione?

Una pausa detossificante è prima di tutto una pausa alimentare, che varia a seconda della volontà di ogni persona, del suo stato di salute e della sua tolleranza alla privazione. 

Quale pausa detossificante scegliere?

Alcuni iniziano con un periodo di digiuno totale o intermittente. Tuttavia, se il processo di detossificazione consiste nel riposo degli organi della digestione, non dovrebbe portare a una perdita eccessiva di nutrienti. Alleggerendo la dieta e aiutandoti con i micronutrienti adatti, l'obiettivo può essere raggiunto con meno fatica e senza effetti collaterali. Pertanto, una detossificazione non mira necessariamente a perdere peso, ma piuttosto ad aumentare il livello di fitness.

Esiste davvero una detossificazione per avere la pancia piatta?

Non si tratta solo di un'espressione che vuole spingerti a passare all'azione! Per le settimane di "detossificazione pancia piatta" si prediligono succhi e zuppe di verdura e frutta e si escludono i FODMAP e i vegetali crudi che possono gonfiare la pancia. In pratica, bisogna evitare cipolla, aglio, piselli, funghi, mele, pesche, pere e ciliegie. Come in qualsiasi dieta detox, il latte animale e i suoi derivati (yogurt), i cereali (frumento, segale, orzo, sciroppo di mais) e il miele sono vietati o vanno limitati.

Come fare una pausa detossificante per 1 giorno?

La giornata di detossificazione di solito inizia con un bicchiere d'acqua tiepida. Quindi, si preparano tre pasti con succhi di verdure o zuppe di frutta e verdura fresca. Sono ammessi spuntini a base di semi oleosi (ad esempio 4 o 5 mandorle). Per il proprio benessere, è preferibile non praticare attività sportive intense quel giorno, ma fare una tranquilla passeggiata o bagni rilassanti. La prassi abituale di un giorno di detossificazione non esonera dalla buona igiene alimentare.

Che cos'è un’alimentazione detox?

I menu detox sono costituiti principalmente da vegetali freschi e proteine vegetali, con l’aggiunta di carni bianche e pesce. Prediligi verdure a foglia verde ricche di clorofilla (cavolo verde, crescione, spinaci, bietole, carciofi ecc.) e frutti rossi ricchi di antiossidanti (ribes nero, more, fragole, lamponi ecc.) in base alla disponibilità stagionale. Scegli alimenti da agricoltura biologica o da agricoltura sostenibile per limitare l’ingestione di inquinanti (metalli pesanti, pesticidi ecc.).

Rinuncia a cibi trasformati, latticini, carni rosse, grassi, zuccheri raffinati, alcol e caffeina.

Il buon senso ci insegna che le cotture a base di grassi sono da evitare. La cottura a vapore è quella che meglio rispetta le qualità e il sapore dei vegetali.

Si consiglia di bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno approfittando di succhi di verdura e tisane di piante drenanti o tè verde. I succhi di frutta sono ricchi di zuccheri, quindi vanno evitati durante una pausa detox.

Vous avez l'air de naviguer depuis la France.
Cliquez ici pour visiter notre site français.

Hai un dubbio sui nostri
prodotti o sul loro utilizzo?

Clicca qui per contattare il nostro esperto.